Università Cattolica del Sacro Cuore

Università Cattolica “Student Safety Package”

Il servizio
  

Gli studenti che partecipano ad un programma promosso da Cattolica International sono tenuti a stipulare e sottoscrivere lo “Student Safety Package”, una copertura assicurativa valida per l’intera durata del programma all’estero, frutto di un accordo stipulato tra Università Cattolica e Europe Assistance. Il costo varia tra € 80 e € 100, a seconda della tipologia di programma di mobilità. Tutte le informazioni relative alle modalità di sottoscrizione saranno fornite via email prima della partenza.

Leggi le condizioni di polizza.

 

L’app Safety Check Students
 

L’app “Safety Check Students”, nata per gestire i casi di emergenza, è inclusa nello “Student Safety Package”.
Tramite l’app, durante il proprio periodo all’estero, lo studente può:

  • Attivare una chiamata d’emergenza verso:
    • un cellulare italiano gestito da Università Cattolica raggiungibile 24/7
    • le autorità locali
    • EuropAssistance
  • Essere localizzato tramite GPS in caso di emergenza ed essere contattato tramite la chat dell’app

 

Per garantire l’attivazione ed il funzionamento dell’App è necessario che ogni studente:

  1. accetti di attivare sempre i servizi di geolocalizzazione e di ricezione notifiche (non solo durante l’utilizzo dell’app stessa) sul proprio smartphone
  2. esprima il proprio consenso al trattamento dei dati forniti
  3. non disinstalli l’app mentre si trova all’estero

 
La mancata attivazione dell’app e dei relativi servizi (notifiche e geolocalizzazione) o la sua disinstallazione prima del termine del programma impediranno ad Università Cattolica di comunicare con lo studente in caso di emergenza ed impediranno ad esso di beneficiare dei servizi.

 

In caso di emergenza
 

In situazioni di crisi* Università Cattolica: 

  • si attiva al fine di valutare ed implementare gli interventi che appaiono appropriati per fronteggiare l’evento
  • si impegna a contattare tramite l’app gli studenti geolocalizzati nell’area interessata dalla situazione di crisi, al fine di verificare la situazione contingente
  • definisce il quadro puntuale dell’accaduto, fornendo una rappresentazione dei possibili sviluppi, raccogliendo informazioni da più fonti, quali eventuali ospedali e autorità intervenute ed eventualmente conoscenti degli studenti
  • in caso di aggressione o violenza subita, valuta la possibilità di informare le autorità di polizia locale, ove le stesse non siano già state coinvolte
  • in caso di grave pericolo per la vita dello studente, informa la più vicina rappresentanza diplomatica del paese di origine dello studente e definisce con le rappresentanze diplomatiche le responsabilità in merito alle azioni da intraprendere (ad es. rimpatrio)
  • in caso di ricovero ospedaliero, agevola la comunicazione con il centro operativo dell’assicurazione dello studente, verifica che l’ospedale e i referenti dell’assicurazione siano reciprocamente e adeguatamente informati e che eventuale documentazione aggiuntiva sia stata inviata/sottoscritta, ove necessario, dalla famiglia dello studente
  • contatta le figure/strutture competenti dell’università/ente ospitante (tutor, responsabile dei progetti internazionali, ecc.) per informare circa la situazione dello studente, affinché lo stesso possa ricevere il più opportuno supporto
  • comunica con la persona indicata in fase di iscrizione come “persona da contattare in caso di emergenza”.

 

* Ovvero in caso di eventi di particolare rilevanza o criticità (anche non ancora verificatisi ma le cui probabilità di accadimento risultino significative) che possano coinvolgere lo studente quali ad esempio: incidenti sui mezzi di trasporto, incidenti nei luoghi di studio o alloggio (cedimenti strutturali, incendi, allagamenti, ecc.), malattie, gravi abusi di sostanze psicotrope o alcool, crimini e/o violenze, eventi socio-politici, atti di terrorismo o eversivi, catastrofi naturali, o altre cause accidentali da cui possono scaturire rischi per la salute fisica, mentale o psicologica, arresti o fermi da parte delle autorità locali, gravi disagi logistici (ad es. alloggio inutilizzabile, impossibilità di spostamento, isolamento, ecc.), scomparse, decessi.
 

Leggi l'informativa relativa al trattamento dei dati personali (48,14 KB)